Comunicazione / Notizie da Confindustria Serbia

18 dicembre 2020

Assemblea Generale dei soci

Gentili associati,

come ben sapete, si è tenuta mercoledì 16 dicembre 2020 l’assemblea ordinaria dei soci di Confindustria Serbia, per la prima volta online, in occasione della quale sono state presentate le attività svolte nel periodo precedente, i risultati ottenuti nonché i piani per l'anno prossimo.


A tale proposito, desideriamo informare sia i soci impossibilitati a parteciparvi, che quelli che erano presenti in sede dell’assemblea, che presto riceveranno le informazioni in merito alle decisioni prese in quell’occasione con un’apposita comunicazione.

In accordo con la prassi e il modello di lavoro degli anni precedenti, alla chiusura dei lavori ufficiali dell’assemblea, sono seguiti gli interventi pubblici del Presidente Dei Tos, dell'Ambasciatore d'Italia Carlo Lo Cascio, nonché della Presidente designata di Confindustria Est Europa Maria Luisa Meroni.

Nel suo intervento, il presidente Dei Tos ha dichiarato: “Credo che quest’anno la nostra Associazione abbia dimostrato quanto salde siano le radici messe da Confindustria Serbia in questo Paese, nei nostri otto anni d’attività. Radici che in questo 2020 hanno permesso a Confindustria Serbia di essere ben più di un “porto sicuro” per voi e le vostre imprese. Quest’anno abbiamo voluto e dovuto, essere anche un’unità di crisi che attraverso un dialogo incessante con le istituzioni sia italiane che serbe, si è proposta non solo di sostenere concretamente le imprese e le attività economiche, ma soprattutto di aiutare le persone”.

Da parte sua l’ambasciatore Lo Cascio ha fatto riferimento alla collaborazione economica tra i due paesi, sottolineando: “Nonostante le avversità siamo infatti riusciti a realizzare molti obiettivi. Innanzitutto a mantenere operative le nostre attività commerciali. Lo dimostra il livello dell'interscambio bilaterale, che è in parte diminuito rispetto allo scorso anno, ma che considerate le circostanze attuali ha sostanzialmente retto. Entro la fine dell'anno supereremo di certo i 3 miliardi di euro di scambi e questo ci fa ben sperare per il 2021”, ha concluso Lo Cascio.

Cogliamo l'occasione per ringraziare i soci per la fiducia accordataci ancor più in questo periodo così difficile per l’intera economia e società dei due paesi!